Certificazioni professionali

Rilascio certificazioni professionali di idoneità in ambito ferroviario (decreto legislativo n. 247/2010) e security (allegato D norma UNI 10459:2017).

Profili della Security

Per potersi certificare come professionista della Security occorre rispondere ai requisiti previsti dalla norma UNI 10459:2017, pubblicata dalla Commissione Tecnica Sicurezza della Società e del Cittadino. La norma  definisce i requisiti di conoscenza, abilità e competenza del professionista della Security, ossia la figura che valuta, gestisce, coordina, previene e mitiga i rischi di origine criminosa di un’organizzazione.

A seconda della complessità organizzativa e delle attività previste, sono tre i livelli di professionalità definiti per il presidio della Security dell’Organizzazione: il professionista di livello operativo (Security  Expert),  di livello manageriale (Security  Manager) e di alto livello manageriale (Senior  Security  Manager).

La norma stabilisce i requisiti richiesti per ciascun livello, a partire dai compiti e dalle attività, in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al Quadro Europeo delle Qualifiche (European Qualifications Framework – EQF). I requisiti sono espressi secondo criteri tali da agevolare i processi di valutazione e convalida. Include alcune appendici, fra le quali la D, che definisce gli aspetti comportamentali necessari affinché i professionisti della Security possano attuare una condotta adeguata  agli  standard  etici  e  deontologici. 

Il contributo dello psicologo nel processo di certificazione dei professionisti della Security riguarda nello specifico l’emissione della certificazione volta ad accertare l’adeguatezza agli aspetti comportamentali.

Nella mia esperienza di psicologo certificatore ho utilizzato un protocollo diagnostico comprendente:

  • Un inventario di personalità;
  • Un’intervista semi-strutturata, volta a discutere i risultati del test ed approfondire ulteriori elementi.

Il protocollo si è dimostrato sufficiente ed adeguato ai fini della valutazione, tuttavia è possibile integrarlo con altri test, volti ad approfondire alcune dimensioni, specialmente qualora non siano rilevabili in fase di intervista (es. intelligenza emotiva).

Profili ferroviari

In ambito ferroviario mi occupo della certificazione di idoneità del personale di condotta, accompagnamento treno, e di altro personale coinvolto in compiti che attengono alla sicurezza. La valutazione viene effettuata attraverso test psicoattitudinali e interviste, in base alle normative vigenti del settorealcune.

Certificazioni professionali

Bibliografia

Abbate L., Andraos M. P. (2019) Scrivere la relazione psicodiagnostica. Dal test alla stesura del report in psicologia clinica e forense, Raffaello Cortina Editore.

Avallone F., Paplomatas A. (2005) Salute organizzativa. Psicologia del benessere nei contesti lavorativi, Raffaello Cortina.

Bisio C. (2009) Psicologia per la sicurezza sul lavoro. Rischio, benessere e ricerca del significato, Giunti OS.

CER Psychologist subgroup (2009) Guidelines for the Psychological Assessment of Train Drivers and other safety related personnel.

Dlgs  30 dicembre 2010, n. 247 Attuazione della direttiva 2007/59/CE relativa alla certificazione dei macchinisti addetti alla guida di locomotori e treni sul sistema ferroviario della Comunita’. 

D.M. 23 febbraio 1999, n. 88  Accertamento idoneità fisica e psicoattitudinale del personale addetto ai pubblici servizi di trasporto

Fraccaroli F., Balducci C. (2011) Stress e rischi psicosociali nelle organizzazioni, Il Mulino.

Ordine degli Psicologi del Lazio (2005) Psicologia viaria. Gli interventi dello psicologo per ottimizzare il rapporto uomo veicolo strada, FrancoAngeli.

PSR RAIL 2013 A guide to identifying and preventing psychosocial risks at work in the railway sector, CER/ETF, 2013.

UNI 10459:2017 Attività professionali non regolamentate – Professionista della security – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza